Come scegliere il nome giusto per il vostro negozio e-commerce?

Cambiando solo 9 lettere di "primordiale" si ottiene "nome". Coincidenza? Certo che no.

Imparate a vendere il print on demand con i consigli di TPOP per il marketing, il branding e l'e-commerce.

Vi seguirà ovunque. Si attaccherà a voi.

Non stiamo parlando dell'istantanea postata su Facebook di uno schiuma party del 2007 (ciò che accade a La Grande-Motte dovrebbe rimanere a La Grande-Motte), ma del nome del vostro marchio!

Se non avete un negozio fisico, questo nome sarà una vera e propria vetrina per la vostra attività: spesso è la prima cosa che i vostri potenziali clienti vedranno o sentiranno. Ecco perché è necessario prestare particolare attenzione alla sua scelta: in un mondo in cui tendiamo a fermarci alla prima impressione (ciao, Tinder e tutto il resto), curare il nome del vostro marchio sarà fondamentale. Se volete attirare lo swipe right, ci sono alcune regole di base da seguire.

Per la precisione, sono sette.

Sì, sette regole che condivideremo con voi in questo articolo. Non possiamo nascondervi nulla.

Prima di tuffarci, facciamo un tuffo nell'acqua con un tour dei tipi di marchi disponibili... Dai, te lo assicuro, è davvero bello una volta che sei dentro!

I diversi stili dei nomi di marca

Il nome astratto

Create il vostro marchio di abbigliamento e accessori stampati con i consigli di marketing e branding di TPOP.

Lei ha l'anima di un artista. Sì, sì, è così, anche per voi imprenditori in cerca di fortuna! La vostra anima artistica è lì, da qualche parte sotto le vostre idee per i post su Linkedin e il vostro desiderio di condividere uno yacht con Bill Gates. Allora perché non sfruttare al meglio quest'anima artistica ed essere creativi con il proprio nome?

Questa è la scommessa che alcuni marchi fanno creando il loro nome da zero. Tra questi, Ikea, Google, Adidas, TPOP (lo conoscete? È davvero bello),... Questa categoria di nomi impone pochi limiti, se non che il nome deve avere un buon suono, essere facilmente pronunciabile e non troppo lungo. Questi nomi di marca hanno anche un vantaggio, non ultimo quello di essere solitamente disponibili per la registrazione, dato che, beh, provengono direttamente dalla vostra immaginazione. Si noti, tuttavia, che hanno lo svantaggio di non essere autoesplicativi: i vostri clienti non sapranno a prima vista a quale settore appartenete.

Il nome suggestivo

Avviate la vostra attività e guadagnate denaro seguendo i consigli per le vendite online con il print on demand TPOP.

Creatività o meno, a volte è bene anche rimanere sul classico: basti pensare al semplicissimo eppure glorioso gratin dauphinois. Il nome suggestivo è l'opzione perfetta per chi vuole andare dritto al punto senza troppe deviazioni: fa capire al lettore l'attività di un marchio... Senza essere troppo descrittivi, come Air France, Caisse d'Épargne, Crédit Lyonnais o Chauffeur Privé. Sì, questo tipo di nome viene spesso rifiutato perché troppo ovvio e poco distintivo.

Per ottenere un nome rilevante senza essere troppo appariscente, sono disponibili diverse tecniche:

  • Create un nome a partire da una parola che descriva il vostro marchio o settore. Esempi: Deliveroo (per l'aspetto della consegna), ChronoPost (si riferisce alla velocità), TailleFine (cita il vantaggio primario del marchio), Groupon (in relazione al concetto di acquisto di gruppo).
  • Associare due parole che descrivono il vostro marchio (Facebook, YouTube, Carglass, Photoshop,...)
  • Nomi emozionali, basati sulla narrazione dell'esperienza che il prodotto o servizio offre (Mon Chéri, Bonne Maman, Vache Qui Rit, Câlin...)


Il nome proprio

Idee, ispirazioni e consigli di marketing e branding per vendere meglio online sul vostro negozio di Print on Demand

Molto comune nell'industria della moda e più in particolare nel settore del lusso, il nome proprio può essere un'opzione da considerare. Attenzione però, perché implica che il designer diventi ambasciatore del suo marchio... È una cosa che vuoi fare? Inoltre, è di classe quando si tratta di un marchio prestigioso come Louis Vuitton o Christian Dior, un po' meno quando si è ancora un'oscura sconosciuta. Desiderate una borsa Martine Lafouille? Nemmeno noi, a dire il vero. In sintesi, non è una possibilità che incoraggiamo per la creazione del vostro marchio di e-commerce, ma volevamo sottolineare che esiste. Tutto qui. È fatta.


Il gioco delle parole


Forse ve ne sarete già accorti, ma i giochi di parole sono un'arte antica a cui noi di TPOP siamo particolarmente affezionati... Si dà il caso che sia anche amico di alcuni commercianti in cerca di un marchio.

Il gioco di parole è simpatico: provoca facilmente la risata, è un tipo di umorismo piuttosto universale. Come marchio, attirerà l'attenzione e sarà probabilmente ricordato dal lettore.

Giusto. Quindi. D'altra parte. Saremo un po' cauti perché non vogliamo incorrere nelle ire della lobby dei parrucchieri francesi, ma il gioco di parole non è sempre l'ideale per rappresentare un marchio. Non è necessariamente di buon gusto e può far sembrare il vostro negozio scadente, e questo non è un buon punto di vendita. Ecco la prova con un elenco di immagini.

Scegliete il nome migliore per il vostro negozio di e-commerce e fate soldi online.
Fonti: Bored Panda, Google Maps, Tanks a lot

Ok, è divertente, ma comprereste un Indiana Jean? Abbiamo alcune riserve.

Vi consigliamo quindi di fare attenzione ai giochi di parole: non prendersi troppo sul serio è la cosa migliore, ma non scherziamo sul futuro del vostro marchio.


Ora che abbiamo dato una rapida occhiata in giro, vi lasciamo prendere taccuino e penna: è il momento dei buoni consigli.

Sette consigli per la scelta del marchio

Suggerimento 1: Mantenere un linguaggio breve e semplice


Il cliente non ha tempo di cercarvi. O per pigrizia. O entrambi, contemporaneamente. In ogni caso, bisogna saperli prendere per mano, indicare loro la strada, dare loro un panino per il viaggio... In breve, rendete il più semplice possibile l'accesso al vostro negozio!

Per questo motivo vi consigliamo di scegliere un nome breve e semplice per il vostro marchio. Dovete assicurarvi che sia facilmente ricordabile, pronunciabile e digitabile dagli interessati. A meno che non sia davvero significativo, quindi, evitate lettere non udibili o caratteri speciali per facilitare il passaparola. A differenza di X Æ A-Ⅻ, il figlio di Elon Musk e Grimes, il vostro marchio purtroppo non è nato con gli occhi del mondo puntati addosso... Sta quindi a voi massimizzare la sua scoperta.

Suggerimento 2: Siate originali

Differenziatevi dalla concorrenza e incrementate il vostro e-commerce con la stampa su richiesta TPOP.

Ammettiamolo: la cosa peggiore per un marchio è non distinguersi. Il cocktail vincente si colloca a metà strada tra l'originalità e l'evocazione: è meglio che il potenziale cliente capisca qual è la vostra attività senza che sia troppo evidente, con il rischio che il vostro marchio venga confuso con altri. È importante innanzitutto per essere trovati dai vostri futuri fan, ma anche per essere referenziati dai motori di ricerca, che non daranno la priorità a un nuovo arrivato se il vostro nome è troppo simile ad altri!

Originale, ma suggestivo, ma non troppo... I criteri sono molti, ma trovare quello giusto è una vera fonte di gioia e ci auguriamo che ne possiate beneficiare al più presto.

Suggerimento 3: Pensare in modo internazionale

A meno che la vostra nicchia non sia "le meraviglie architettoniche del Poitou", non dovreste limitare la conoscenza del vostro marchio a una sola nazionalità o lingua: questo è uno dei motivi per cui marchi come Hoegaarden, Krisprolls, Napapijri, Fjallraven e Schwarzkopf non sono cresciuti.

Lo stesso vale per i nomi dei marchi che non sono facilmente traducibili: si pensi ai telefoni cellulari Lumia (che in spagnolo si traduce con "prostituta"), alla marca di bevande ghanese Pee-Cola o al modello Laputa della Mazda.

In breve, non mettete una spina linguistica nel fianco: il vostro marchio merita un'ascesa FULGORANTE.

Suggerimento 4: Rimanere rilevanti con la propria identità

Aumentate le vostre vendite online e la vostra reputazione elettronica con gli articoli per l'e-commerce di TPOP, il fornitore organico di Print on Demand.


Elementare, mio caro Watson, ma non sempre ovvio. Il vostro marchio è qualcosa di più del vostro settore o dei vostri prodotti: è una vera e propria identità creata da zero che sarete in grado di trasmettere! Prima di decidere un nome, è quindi saggio definire chiaramente la propria missione, il proprio modo di essere, i propri valori e anche il proprio obiettivo. Prendiamo l'esempio di TikTok: il suo nome è fresco, accattivante, facilmente memorizzabile: l'ideale per il suo target di giovani tra i 13 e i 25 anni la cui soglia di attenzione è, in alcuni casi, al limite della margherita.

La coerenza con la vostra identità rafforza il legame che i consumatori stabiliscono tra il vostro marchio e il vostro nome, rendendo così più facile trovarvi. Ammettiamolo, è un lavoro, ma è un lavoro che ripaga... E questo è il tipo di lavoro che ci piace.

Suggerimento 5: Non scegliere troppo trendy


All'inizio può sembrare contraddittorio, ma vi assicuro che scegliere un nome di tendenza o datato non è mai una buona idea. Un esempio? Sport2000, che doveva sembrare futuristico negli anni '80 ma non lo è più da oltre vent'anni. In modo più sottile, vi consigliamo di stare alla larga dalle tendenze in fatto di parole: al momento suffissi come -ify o -ly sonodi tendenza, ma lo saranno tra quindici anni? Nulla è meno certo. Non date una data di scadenza al vostro marchio: merita un destino migliore della vecchia ricotta persa in fondo al frigorifero.

Suggerimento 6: evitare il plagio


I vostri concorrenti hanno successo: questo è positivo, buon per loro. Sappiamo che volete vivere la stessa esperienza, è tutto ciò che speriamo per voi (e anche di più).

Alcuni si spingono un po' troppo oltre imitando un concorrente, in modo da confonderlo e fargli scegliere i suoi prodotti. Ammettiamolo: questa non è l'idea del secolo, no, non lo è. Innanzitutto per ovvie ragioni legali, ma anche perché fa apparire un'azienda disonesta e inaffidabile. Prendiamo ad esempio quei ristoranti che ricordano vagamente una certa catena di fast-food:

Consigli, idee e ispirazioni su marketing, branding e graphic design con TPOP.
"Mac Doland's", guida come te. Pulupupupu!"

Per questi marchi, la scelta di un nome confuso si rivelerà alla fine controproducente e poco attraente. Ecco quindi una regola d'oro: essere se stessi! I vostri bellissimi prodotti meritano di essere acquistati per scelta, non per caso.

Suggerimento 7: Non limitate la vostra attività

Il vostro potenziale? Eccessivo. Illimitato. Infinito. Ne siamo assolutamente convinti, e non solo perché vi amiamo.

Ma sarebbe un peccato se vi poneste delle barriere, soprattutto limitandovi a un solo tipo di prodotto. Mettiamola così: se il vostro marchio si chiama "tazze di Sophie" e tra 2 anni, all'apice della vostra carriera, decidete di diversificarvi in prodotti di abbigliamento... Cosa farete? È un po' quello che è successo a Starbucks, che si è chiamato "Starbucks Coffee" fino al 2011, quando il marchio ha deciso di eliminare la seconda parte del nome, troppo riduttiva rispetto alla portata del suo menu.

Non fate come loro, evitate il momento imbarazzante in cui dovrete rinominarvi: sarebbe un peccato perdere qualche cliente per strada.


"Aspetta, lo cerco su Google", "Puoi darmi un post-it?", "È come Port Salut, è scritto sopra".

Questo è il sogno del vostro marchio: diventare così famoso da far entrare il suo nome nel vocabolario collettivo. Prima di arrivare a questa fase, il nome probabilmente vi accompagnerà per anni, quindi è assolutamente necessario che piaccia a voi e al vostro pubblico di riferimento. Abbiamo messo insieme con amore e passione un mix dei migliori consigli per il vostro marchio: d'ora in poi il suo destino è nelle vostre mani. Sta a voi decidere!