Storia di successo #2 - Ma boutique Catho

Ecco un nuovo episodio di "ritratti di creatori". Vi presentiamo Emmanuel di "Ma boutique Catho".

Stampa su richiesta con TPOP.

Ritratti di designer: seconda parte

Poiché abbiamo notato che l'impegno porta spesso a belle storie di creatori di marche, abbiamo voluto presentarvi di nuovo una marca "impegnata". Incontro con Emmanuel di "Ma Boutique Catho"Un incontro su fede, graffiti, umorismo e amore!

Ma Boutique Catho

Un negozio fatto con il print on demand: Ma Boutique Catho.
"Ma Boutique Catho: un nome sicuramente evocativo... Perché ha scelto questo nome? Può parlarci della "genesi" del suo marchio?

Grazie per questa domanda! La genesi del marchio risale a molto tempo fa... Sono Emmanuel, e facevo graffiti per strada e sui treni, fino a questa forte esperienza con Dio alla fine del 2003. Questo ha sconvolto la mia vita e non mi ha lasciato indenne (nel senso buono della parola). È importante sapere che i graffiti e le magliette sono collegati, entrambi hanno il desiderio di creare un impatto visivo rapido ed efficace, nel minor tempo possibile e con un minimo di colore. In un certo senso funziona come un logo. Ci sono molte magliette che circolano nel mondo dei graffiti; pensate al marchio Wrüng creato dai graffitari parigini e che è uscito dalle cantine all'inizio.

Nel 2008, qualche anno dopo aver smesso con i graffiti, ho creato i miei primi disegni serigrafici con messaggi legati alla mia nuova fede. Ho venduto queste produzioni in raduni in tutta la Francia e di mano in mano. Ho sempre avuto una scorta nel bagagliaio della mia auto!

Ma con il passare della vita, una moglie, un figlio, poi due, poi tre, poi quattro (!), non è più possibile andare in giro per il paese a vendere magliette e felpe. Ho rinunciato a questo progetto per qualche anno, finché non ho letto un articolo sul web all'inizio del 2019... dove ho scoperto il Print on Demand. È stato uno shock. Una rivelazione.

Ora ho la passione di disegnare magliette, e posso farlo senza limiti! Come ex incisore e grafico di professione, questo è un assaggio di paradiso per me.

Sto cercando su Internet un fornitore di stampa allineato con i miei valori etici ed ecologici, che sono davvero importanti per me e per il mio pubblico di riferimento, i cattolici di lingua francese. Ho trovato TPOP, ho chiamato Julien e il feeling è stato immediato (come potrebbe essere altrimenti?). Per me, è Dio che li manda sulla mia strada.

A chi sono rivolti i suoi disegni? Come fai a incontrare i tuoi (futuri) clienti?

Le mie creazioni si rivolgono principalmente ai cristiani cattolici, anche se gli evangelici o altre confessioni cristiane possono apprezzare alcuni dei miei modelli. Dico "cattolico" proprio perché culturalmente abbiamo un sacco di "cliché" con cui possiamo giocare e che sono una fonte di ispirazione. Amo l'umorismo (un punto in comune con TPOP), quindi mescolare umorismo, divertimento e fede su una t-shirt... Va tutto bene.

È abbastanza facile per me raggiungere il mio pubblico di riferimento, essendo io stesso con loro nel cuore di questa fede vissuta nella Chiesa. Come grafico di strutture cristiane per diversi anni, ho gradualmente creato una comunità abbastanza densa e impegnata. Offrire loro abiti cattolici è solo un'estensione di ciò che faccio di solito, e non è percepito come una "stranezza".

In seguito, sto cercando di conquistare nuovi territori naturalmente, mi sono messo su Instagram (immaginatevelo), ho sviluppato la mia pagina Facebook pro, e ho creato un gruppo "Humour Catho" su Facebook che ha più di 5000 persone in 5 mesi. Frequento altri gruppi cattolici su Facebook, che di nuovo mi permettono di espandere la mia comunità e il mio pubblico. Infine, mi occupo della mia posta elettronica, perché amo scrivere. Le persone si iscrivono sul pop-up che appare sul sito, offrendo loro un codice di sconto del 15% in cambio di una e-mail, che funziona molto bene!

Immagini di Papa Francesco, frasi di salmi, frasi in inglese... Le tue immagini sono molto varie. Li hai creati tu?

Come designer grafico, creo io stesso le immagini per il mio negozio. Penso che questo sia un grande punto di forza dell'essere un grafico nel POD! Ne trovo anche su Internet, in siti di immagini gratuite, che ritocco leggermente e che funzionano molto bene. Questa varietà, a quanto pare, nel marketing può lavorare contro di me. Ho bisogno di un'unità, qualcosa di più coerente, come un Insta feed. Ma non dimentico che ho creato questo negozio per lasciarmi andare, e che uso POD per creare diversità. Se non mi diverto più, non vedo il motivo di continuare!

A proposito, puoi parlarci della squadra e del modo in cui lavorate?

C'è mia moglie, che mi sostiene nella buona e nella cattiva sorte (nel bene e nel male, giusto?), e poi Kloé che si occupa dell'account Pinterest del negozio e mi dà anche ottimi consigli in generale. Céline mi aiuta di tanto in tanto con varie cose. All'inizio c'erano alcuni volontari, ma ora è un po' più piccolo. Non siamo ancora al punto di assumere, ma speriamo che le cose progrediscano rapidamente, e ci stiamo dando i mezzi per farlo!

Ho anche un ragazzo che fa il SEO per il negozio, pagato come fornitore di servizi per un anno, e fa un ottimo lavoro. Su alcune espressioni il negozio ha battuto siti che sono stati in giro per più di un decennio e sono ancora molto qualitativi. Ci prendiamo cura del nostro SEO, ci prendiamo cura del nostro contenuto, coccoliamo i nostri clienti, insomma, ci diamo i mezzi!

Collaboriamo su Slack, che è molto pratico per tutti. Anche quando aggiungiamo persone ad hoc, per esempio influencer di Instagram, illustratori che stanno per creare collezioni, ecc, possiamo creare catene di discussione tematiche su questo strumento dove aggiungiamo le persone che vogliamo, è molto pratico. Possiamo creare canali di discussione tematici su questo strumento dove aggiungiamo le persone che vogliamo, è molto pratico.

Lei sostiene un'associazione: ce ne può parlare?

Infatti, dopo solo un mese di esistenza, abbiamo sostenuto l'AED (Aid to the Church in Need) per una delle loro azioni molto specifiche: offrire un Natale ai bambini della Siria e alle loro famiglie, allora in piena guerra. Una percentuale dei profitti è stata data a loro. Poi, un mese dopo, abbiamo deciso di sostenere un'altra associazione, Anak-TNK, che porta via i bambini abbandonati dalle baracche di Manila. Quello che stanno facendo è molto impressionante. La dignità degli esseri umani e la lotta contro ogni forma di ingiustizia sono al centro della fede cristiana. Ha senso per noi dare parte di ciò che guadagniamo per aiutare gli altri. Facciamo la stessa cosa con il nostro denaro personale, quindi perché non anche con quello dell'azienda? È anche un modo di rimanere grati (termine che ci è molto caro), perché tutto ciò che riceviamo è prima di tutto un "dono" che ci viene offerto.

Oggi, sei soddisfatto di questi primi mesi di esistenza?

Sì e no. "Sì" perché mi diverto e amo le novità e le sfide. "Sì" perché amo ricevere messaggi da clienti entusiasti - e mi rassicurano che non sono solo nella mia delusione. "Sì, perché credo che quello che faccio sia significativo, portando il messaggio della fede in modo contemporaneo, rilassato e generoso.

Ma "no" perché vorrei che decollasse molto più velocemente, che tutto il mondo sapesse che questo negozio esiste! Ma bisogna essere pazienti e fare un passo alla volta.

Lei scrive sul suo sito che "affermare la propria fede cristiana è diventato difficile": sente che il suo marchio sta cambiando il modo in cui gli altri lo guardano? Avete avuto dei feedback dai vostri clienti?

L'ho scritto io? No, seriamente, è vero che viviamo in tempi paradossali. Da un lato, molte persone sono attratte dalla spiritualità, dalla meditazione, guardiamo il successo dello yoga per esempio. Molte persone si rivolgono anche al soprannaturale in caso di problemi: è il successo dei magnetisti, dei guaritori, ecc. E d'altra parte, il cristianesimo è generalmente decantato, anche se è LA religione dello spirituale e del soprannaturale.

Ma lo capisco perfettamente: se prendiamo il caso della Francia per esempio (ma potremmo quasi dire dell'Europa), il cristianesimo (e in particolare la fede cattolica) era diventato dalla metà del XX secolo una "religione" fatta di pratiche religiose, proibizioni e morali, scollegata dalla sua sostanza di base. Di conseguenza, tutti se ne sono andati, e le storie e gli scandali non aiutano a ripristinare la sua immagine presso il grande pubblico. Ma penso che sia una buona cosa. Tutti quelli che non dovevano stare nella Chiesa se ne sono andati, e la generazione che sta nascendo e per la quale sto producendo abiti è tornata all'essenza del cristianesimo: l'amore.

Amare Dio, amare l'altro (senza condizioni), amare se stessi. Il resto segue.

Non ho ancora molti feedback dai clienti, devo andare a pesca di feedback in questi giorni, appunto, per far crescere la mia "prova sociale". Tuttavia, questa è una delle loro principali richieste (ho fatto alcuni sondaggi che hanno ricevuto una forte risposta): poter testimoniare la loro fede in tutta semplicità, grazie ai loro vestiti.

E poi? Quali sono i vostri piani? Dove vedi "Ma Boutique Catho" tra... diciamo 5 anni?

È una domanda divertente, perché ho appena scritto questa proiezione su richiesta del mio coach (un coach di LiveMentor, una scuola che raccomando a tutti i project leader). Quindi in 5 anni, per dirla in modo semplice:

- un negozio fisico a Parigi o Lione

- usare il POD per "testare" i modelli

- continuare il POD per creare un max

- vendere i migliori modelli da stock

- continuare a diversificare l'offerta, con gioielli cattolici, una fantastica carteria, ecc.

- creare nuovi negozi in POD con TPOP naturalmente, in altre nicchie ;-)

- e soprattutto, per vivere (bene) della mia attività!


Questo conclude questa terza parte...

Grazie a Emmanuel per la sua disponibilità e le sue risposte complete, pertinenti e molto interessanti!

La nostra collaborazione con Ma Boutique Catho è una bella storia che speriamo sia lunga e fruttuosa :-)